La politica si fa sul web

Visto che siamo in tema di elezioni e questa domenica ci saranno le primarie del pd mi sembra giusto sottolineare come nell’ultimo anno siano cresciute le forme di partecipazione ed espressione politica online.

Al di là dei grandi partiti che investono ampi budget in campagne di brand reputation e visibilità sul web. Sono gli stessi cittadini che fanno sentire la propria voce ed esprimono opinioni, preferenze, fanno sondaggi e ovviamente giudicano l’operato degli amministratori locali e nazionali.

Alcuni esempi?

BachecaPolitica: un sito nato allo scopo di tenere monitorate le promesse dei nostri politici. Perchè in campagna elettorale è facile promettere interventi sulle pensioni, tagli alle tasse, nuovi posti di lavoro,… ma poi quanti impegni presi vengono portati a termine?

Quale partito promette di meno ma mantiene di più? E quanti giorni ci vogliono per fare fede ad un impegno preso?

Queste e altre interessanti informazioni vengono raccolte dallo staff di BachecaPolitica.

Ecco due promesse da tenere d’occhio 😉

ImageImage

ICasta: per smartphone c’è invece la app che raccoglie tutti i nostri politici, compresi di biografie e curriculum, e grazie ai voti e ai commenti degli utenti, permette di avere una classifica sempre aggiornata delle preferenze.

Chi è il preferito dagli italiani?

Image

Annunci

La rivoluzione del take-away: Housebites!

Housebites è un servizio che arriva dal Regno Unito ed è una vera e propria rivoluzione del take away.
In realtà più che una rivoluzione è una semplificazione di un servizio che di solito è offerto da pochi e specializzati ristoranti e locali. Housebites va oltre e apre il take away direttamente agli chefs ampliando quindi la gamma di cibi disponibili e aprendo nuove possibilità di lavoro a chefs professionisti e non.

Image
Naturalmente gli chefs vengono selezionati dallo staff di Housebites e ogni cibo viene provato e può essere commentanto e votato dagli altri utenti così da garantire la qualità del servizio offerto.
Si può scegliere tra piatti cinesi, thailandesi, messicani, francesi, italiani, americani, inglesi, caraibici, persiani, vegetariani, etc… non solo la solita pizza o il giapponese come qua in Italia!
Non conosco le regolamentazioni per la distribuzione di alimenti e bevande in Inghilterra ma visto il successo e la diffusione che sta avendo Housebites deduco che siano più flessibili di quelle italiane e non deve essere difficile per qualcuno dotato di talento per la cucina organizzarsi dalla propria abitazione ed offrire i propri piatti porta a porta ai clienti. Oltretutto lo staff del sito, valutate le potenzialità di uno chef, lo assiste anche nell’avviamento del business e nell’organizzazione dell’attività.
Housebites è una piccola rivoluzione che in un momento di crisi può offrire lavoro a tante persone tagliando i costi di locazione e di personale e allo stesso tempo ampliare la varietà dell’offerta del cibo take away, molto diffuso soprattutto nelle grandi città.
Nd: da importare! 🙂